Windows 10: tutto in uno

Presentato per la prima volta nel mese di settembre 2014, Microsoft propone un salto di ben due versioni del suo futuro sistema operativo, passando dall’attuale Windows 8 all’innovativo, ambizioso e avveniristico Windows 10.

Ed è proprio Microsoft a mettere questa volta tantissima “carne al fuoco” nella sua prossima versione, presentata tramite l’evento  “Windows 10: Next Chapter” trasmesso in streaming direttamente dalla storica sede di Redmond.

In un’unico evento è stato presentato tutto o quasi quello che sarà in grado di fare il nuovo Windows, passando da tecnologiè già conosciute nel mondo degli smartphone targati Microsoft come l’assistente vocale Cortana, che sarà integrato ora anche nei pc, al nuovo browser Spartan, più minimalista ed con moltissime ingegnose novità. Non manca una integrazione perfetta con il mondo tablet e smartphone in un modo del tutto opposto alla concorrenza diretta di Apple. Mentre Apple punta su sistemi operativi simili nell’interfaccia ma differenti nella struttura e costruzione tra Machintosh (leggasi PC per i meno avezzi al mondo della mela morsicata) e i proprio dispositivi mobili, Microsoft adotta un nuovo approccio che solo il tempo dirà se vincente, un unico sistema operativo che si adatta in modo parzialmente automatico ai vari dispositivi in cui è installato. Quindi un’unico Windows 10 installato nei pc, tablet e smartphone con qualche eccezione negli ultimi.

Windows-10_Product-Family

Una nuova concezione, ma non solo a livello strutturale per gli addetti al settore ma anche per i consumer, i clienti classici dell’informatica, tramite l’estensione di un’unica interfaccia nella quotidianità dell’utente, il tutto per garantire una maggiore naturalezza e il migliore approccio con i più differenti dispositivi che tutti noi possiamo usare o come detto dal CEO Satya Nadella, successore del precedente Steve Ballmer, “un’esperienza che accomuna diversi dispositivi”.

win10_windows_startscreen1_web

Per incoraggiare il nuovo passaggio, Microsoft ha promesso che il primo anno di disponibilità del nuovo SO, Windows verrà rilasciato in modo gratuito per gli utenti con Windows 7 o Windows 8.1. Inoltre sarà gratuito anche per gli utenti di Windows Phone 8.1. Una volta aggiornato il dispositivo potremmo quindi mantenerlo fino al momento in cui non verrà più supportato a costo pari a zero. Non è stato ancora annunciato che accadrà al termine del primo anno di promozione, ossia se lasciare gratuito il loro sistema operativo o se proporre un prezzo promozionale per coloro che hanno già aggiornato il loro dispositivo e un prezzo intero per coloro che fanno un nuovo acquisto. Per ora Microsoft ha preferito non rilasciare precisazioni in merito probabilmente per studiare l’evolversi della situazione e del mercato.

Tornando a parlare del nuovo Windows , è stata presentata la nuova Start Screen, il nuovo Action Center e la loro flessibilità, garantita anche dalla funzione Continuum per i dispositivi ibridi che possono passare da portatile a tablet.

Abbiamo poi il già citato Spartan, che viene definito da Joe Belfiore il “nuovo browser per il web moderno”, ottimizzato per essere usato con le dita nelle interfacce touch, permettere di fare annotazioni, lettura offline, condivisione e l’integrazione con Cortana.

win10_windows_spartan_web

Abbiamo poi Surface Hub, dispositivo da ben 84 pollici pensato per una utenza business,  con 2 webcam, skype, windows 10, esecuzione di app e visualizzazione nello schermo di un dispositivo esterno senza uso di cavi, 

Si termina con Xbox e lo streaming videoludico su Windows 10, ora supportato da una maggiore condivisione e da Windows Holohgraphic che assieme all’headset Holosens, degli occhiali per realtà aumentata, permetteranno di portare il sistema operativo e il mondo videoludico, ma non solo, al di fuori degli schermi e di farli interagire con noi e con l’ambiente circostante.